I vini del Bardolino e della Valpolicella.

Un tour tra vigneti e le cantine della Valpolicella e del Bardolino.

Tra le cantine ed i vigenti del Bardolino

Vigneti del Bardolino

Valpolicella, Bardolino, Soave: sono tra i nomi di vini che un turista in visita a Verona o sul Garda non può fare a meno – al termine del suo soggiorno – di ricordare e di apprezzare. Ecco perché non può mancare un brevissimo “viaggio immaginario” tra i vigneti e i vini della provincia veronese, un viaggio che potrà però diventare reale in qualsiasi momento: durante una cena al ristorante, un pranzo in città, o anche una serata tra amici, tornati dalle vacanze con una bottiglia come… souvenir.

Ma quali sono i vini che hanno reso famosa Verona del mondo? Quali i bianchi e i rossi? E quali abbinamenti gastronomici possono essere fatti? La zona delle colline attorno al lago produce il Bardolino e il Garda: il primo è il più famoso rosso del Garda, definito “da tutto pasto” perché si abbina facilmente, grazie al suo gusto fresco, alle varie portate di un pranzo o di una cena. Il secondo, per il quale sono previste numerose tipologie, si abbina soprattutto con piatti e antipasti di pesce.


Poco a sud del Garda, in una piccola zona collinare, crescono le viti del Custoza, bianco delicato e fruttuato, che – servito fresco – accompagna piatti altrettanto delicati come verdure e pesce, ma anche antipasti di mare.
Altri bianchi che ben si adattano a piatti simili, o risotti come quello al nero di seppia, sono il Soave ed il Lessini Durello, prodotti nella zona di Soave, verso Vicenza.

Tra le cantine ed i vigenti della Valpolicella.

Vigneti della Valpolicella

Spostandoci dal lago verso Verona incontriamo la Valpolicella: per il vino rosso più famoso d’Italia non servirebbero parole, ma qualche consiglio per gustarlo al meglio non guasta: le varie tipologie di Valpolicella sono molto duttili nell’utilizzo a tavola, e si adattano bene ai primi di riso o pasta al ragù di carne (è prelibato, ad esempio, con i bigoli al sugo d’anatra) o ancora alla pasta e fagioli. Ideali poi gli abbinamenti con le carni, da quelle alla griglia agli arrosti.
Ma se le carni sono preparate in maniera più strutturata, non c’è niente di meglio che un Amarone della Valpolicella: manzo, selvaggina, pollame, e ancor di più cavallo (la tradizionale Pastissada de caval di Verona) non sarebbero gli stessi senza un bicchiere di questo grande rosso della Valpolicella. E anche per il dessert la Valpolicella non fa mancare un suo prodotto, il notissimo Recioto della Valpolicella, dal gusto dolce ed amabile.


Se desiderate prenotare una visita guidata alle cantine della Valpolicella e del Bardolino con degustazioni vini e prodotti tipici del territorio, compilate il formulario.